INTERVISTA TC - Mora: "Lavoro duro per raggiungere il professionismo"

17.06.2020 11:00 di Raffaella Bon   Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
INTERVISTA TC - Mora: "Lavoro duro per raggiungere il professionismo"

Cresciuto nel settore giovanile del Sassuolo, il giovane estremo difensore Enrico Mora si è messo in luce nell'ultimo campionato con la maglia della Virtus Bolzano. A gennaio aveva attirato le attenzioni di Giana Erminio e Rende, adesso pensa al prossimo futuro come raccontato ai microfoni di TuttoC.com.

Dopo un buon campionato alla Virtus Bolzano si parla di te in C. Cosa ne pensi?
"Innanzitutto ringrazio la Virtus Bolzano e il mio procuratore Davide Gurieri per avermi dato la possibilità di tornare a giocare nel campionato di Serie D dopo una parentesi in Eccellenza. Le voci su di me fanno piacere perché significa che le mie prestazioni sportive sono state apprezzate dagli addetti ai lavori e spero di raggiungere il professionismo continuando a lavorare duro".

Come si cresce nel Sassuolo?
"Ho giocato a Sassuolo 4 anni, è un settore giovanile molto competitivo e dove si cresce sia dal punto di vista tecnico che umano. Ho avuto la fortuna di essere stato allenato da allenatori in gamba e preparati come Mathias Altamirano e Jonathan Giovannini, i quali mi hanno sempre supportato e creduto in me. Ho avuto anche la fortuna di vincere un campionato Berretti sotto la guida di Stefano Morrone".

Anche quest'anno in Serie C molte squadre puntano sui giovani anche alla prima esperienza. Che ne pensi?
"Penso che qualcosa, dopo l'emergenza Covid, sia cambiato e che ci sia un ridimensionamento di organizzazione e budget in tutte le categorie. Puntare sui giovani è sempre un incognita, ma senz’altro per diventare grandi bisogna partire e un passo alla volta crescere e la Lega Pro a mio avviso, così come la Serie D, è una categoria dove si può crescere molto sotto tutti i punti di vista".