Oddo: "Padova non inferiore a Südtirol. Pian piano sempre più squadra"

09.03.2022 22:20 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Massimo Oddo
TMW/TuttoC.com
Massimo Oddo
© foto di Image Sport

Dopo il pari senza reti nella finale di andata di Coppa Italia Serie C, in conferenza stampa è intervenuto mister Massimo Oddo, tecnico del Padova: "Sono molto soddisfatto del secondo tempo, perché i ragazzi hanno giocato senza paura contro una squadra forte e solida, perché i meriti vanno dati anche agli avversari. Questa è una squadra che ha tutte le carte in regola per fare bene, per più di un tempo. Col lavoro bisogna portare questi ragazzi ad essere più convinti dei propri mezzi. Forse nel primo tempo ci siamo abbassati un po’ troppo, ma avevo chiesto io di rimanere bassi, nella ripresa invece ho visto personalità e gioco. Abbiamo creato tre-quattro palle gol. C’è il ritorno e sappiamo che dobbiamo vincerlo per poter alzare la Coppa. Il Padova non è inferiore al Südtirol, loro sono rodati e giocano insieme da tanto, il loro percorso parte da lontano, tanto merito a loro, ma noi abbiamo giocato alla pari, se non meglio nel secondo tempo, dimostrando di essere due squadre forti. I ragazzi si stanno impegnando tanto, stiamo mettendo molte idee nuove e non è semplice. Dobbiamo solo sbloccarci ed entrare nell’ottica di fare le cose con più semplicità. Per adesso uso ancora la carota perché i ragazzi in allenamento sono disponibilissimi e hanno tanta voglia di imparare. Piano piano saremo sempre più squadra. Chi recupero per domenica? Credo nessuno, Pelagatti ha un problemino, Curcio un po’ più grave, Gasbarro non ce la fa ancora, siamo questi, ma con qualcosa in più… le risposte vanno date sul campo, ma posso dire che oggi ho un Della Latta in più, un Nicastro in più, un Valentini in più, un Terrani in più… Tutta gente che sta rispondendo alla grande. Abbiamo gestito un po’ Ajeti, anche lo stesso Cissè che non ha i 90 minuti, abbiam dovuto far giocare anche Alfredo che si è allenato solo stamattina. Il recupero è più che altro mentale, se una squadra finisce in crescendo vuol dire che ne ha"..