Top & Flop di Sambenedettese - Ravenna

16.02.2020 20:10 di Gianmarco Minossi   Vedi letture
Nocciolini, top Ravenna
© foto di Uff. Stampa Ravenna FC
Nocciolini, top Ravenna

Torna alla vittoria il Ravenna, che espugna per la seconda stagione di fila il Riviera delle Palme e spinge allo stesso tempo la Sambenedettese in un baratro che sembra non avere fine, con la terza sconfitta consecutiva che rappresenta solo la punta di un iceberg che ha cominciato a crescere a gennaio e ha gelato l’iniziale entusiasmo che aveva accompagnato la squadra nella prima parte di stagione. E dire che l’inizio della gara aveva arriso proprio ai marchigiani, che si erano subito portati in vantaggio grazie ad un colpo di testa di Miceli, con l’evidente complicità di Cincilla. Un gol che sembrava il preludio ad una luce in fondo al tunnel e che si è invece rivelato l’ennesimo fuoco di paglia; col passare dei minuti, infatti, i romagnoli hanno sempre più preso le misure agli avversari, raggiungendo sul finale di tempo il pareggio grazie alla torsione vincente di Nocciolini.

Ripresa che si è aperta sulla stesa riga del primo tempo, con le due squadre alla ricerca del vantaggio senza però riuscire ad impegnare i portieri avversari, ad eccezione di una conclusione dalla distanza di Mokulu respinta da Massolo; preludio al gol che è arrivato poco dopo proprio a firma dello stesso attaccante, che ha raccolto un assist in area di Zambataro e ha freddato l’estremo difensore locale. La Samb ha provato a reagire nel finale con qualche sussulto d’orgoglio, ma ha trovato sulla sua strada un reattivissimo Cincillia, che ha riscattato l’infortunio del primo tempo con un doppio grande intervento nella stessa azione, prima su Biondi e poi su Orlando. Troppo poco per cercare di risorgere dalle macerie: a fine partita, squadra contestata sotto la curva nord, così come il presidente Fedeli, ritenuto il responsabile di questo crollo psicologico prima ancora che sportivo e di cui a pagarne le spese dovrebbe essere il tecnico Montero, che già domani potrebbe ricevere il benservito dalla società. Applausi meritati invece per il Ravenna, che lascia momentaneamente la zona play-out e riprende a guardare al futuro con una più che lecita ventata d’ottimismo.

TOP

NOCCIOLINI (Ravenna): ottavo gol in campionato, il quarto alla Samb. L’attaccante si conferma bestia nera dei marchigiani e oggi ha fatto valere il suo istinto di rapace d’area con quella torsione in tuffo che ha trafitto Massolo e ha dato il via alla rimonta del Ravenna; che per raggiungere una tranquilla salvezza avrà bisogno di colpi come questo fino alla fine del torneo. CINICO

MICELI (Sambenedettese): dopo pochi minuti si fa trovare al posto giusto nel momento giusto, incornando in rete un cross al bacio di Volpicelli, pur con l’evidente complicità di Cincilla. E’ stata l’unica luce dell’ennesima giornata nera della Samb, che non sembra più ricordarsi di come si vinca. SALVABILE

FLOP

MARTORELLI (Ravenna): la fascia destra risente della sua aridità in zona offensiva, dove non riesce mai a proporsi efficacemente. Ad inizio ripresa, infatti, Foschi lo sostituisce con Grassini per dare più vivacità alla manovra, con i conseguenti benefici che il cambio apporta. SPENTO

MONTERO (Allenatore Sambenedettese): dov’è finita la spensieratezza e l’identità di gioco che avevano contraddistinto la squadra nella prima parte di stagione? I suoi giocatori sembrano non seguire più i suoi dettami e ora anche la tifoseria pare avergli voltato le spalle. La Samb vista nell’ultimo mese appare come una formazione senza identità e allo sbando, incapace di proporre quel calcio che ha fin qui portato i rossoblù in zona play-off. A farne le spese potrebbe essere lui stesso; questa terza sconfitta consecutiva sembra infatti rappresentare il capolinea alla sua avventura nella riviera marchigiana. PERSO

RIVIVI IL LIVE MATCH - CLICCA QUI