Top & Flop di Vicenza-Feralpisalò

08.12.2019 20:05 di Valentino Bonetti   Vedi letture
Marotta (TOP Vicenza)
© foto di Federico Gaetano
Marotta (TOP Vicenza)

E' finito 3-1 il big match della 18^ giornata del Girone B tra Vicenza e Feralpisalò, giocato alle ore 17,30 allo stadio “Romeo Menti”. La gara non ha tradito le attese, visto che le due squadre si sono date battaglia fin dai primi minuti, cercando la vittoria fino alla fine. Ne è uscita una partita gradevole, caratterizzata da giocate di alta scuola da parte dei protagonisti in campo. Padroni di casa schierati da Di Carlo con un 4-3-1-2 che diventa un 4-4-2 con Giacomelli che si allarga spesso a sinistra. In attacco giocano Marotta ed Arma, preferito a Guerra. Ospiti con un paio di novità: giocano, infatti, dal primo minuto sia Guidetti che Maiorino. In attacco c'è, ovviamente, l'Airone Caracciolo. Partono forte gli ospiti, che passano in vantaggio all'ottavo minuto: grande azione costruita sull'asse Maiorino-Pesce-Scarsella, cross dalla sinistra per il colpo di testa vincente di Guidetti, bravo a girare palla sul palo lungo. Il Vicenza pareggia i conti al 20': gran giocata di Giacomelli a sinistra, dribbling e cross per Vandeputte, il quale fredda De Lucia con il piattone al volo. Ospiti vicini al 2-1 al 42' con una conclusione in acrobazia di Caracciolo, servito da Scarsella, che sorvola di poco l'incrocio dei pali. Eurogol mancato, eurogol subito, questa la legge del “Menti”, perché un minuto più tardi Marotta decide di lasciare il segno sulla partita con un lob dalla distanza che sorprende De Lucia, leggermente fuori dai pali. La ripresa inizia con gli stessi ventidue che avevano iniziato il match e si conferma giocato su buoni livelli con occasioni da ambo le parti. Il Vicenza non rinuncia ad attaccare, mentre la Feralpisalò cala un po' alla distanza e così la squadra di Di Carlo cala il tris all'83' ancora con Marotta, bravo ad insaccare sul primo palo un centro da destra di Vandeputte, dopo recupero palla dei biancorossi. Grazie a questa vittoria, la quinta consecutiva in campionato, il Vicenza sale a 42 punti e si laurea campione d'inverno con un turno di anticipo. Feralpisalò fermo a quota 29, i Leoni del Garda ci hanno provato ma non hanno potuto nulla contro un Vicenza in stato di grazia.

Ecco top e flop della gara appena conclusa:

TOP:

Alessandro Marotta (Vicenza): decide di entrare in partita con la giocata che porta i suoi in vantaggio e già questo basterebbe ad inserirlo tra i protagonisti del match del “Menti”. Firma anche il raddoppio da autentico rapace e per un soffio non porta a casa il pallone pochi minuti più tardi. Bene anche Vandeputte, salutato da un'ovazione al momento di lasciare il terreno di gioco e non solo per il gol del pareggio. UNA SPANNA SOPRA
Fabio Scarsella (Feralpisalò): propositivo ed incisivo negli inserimenti, non perde mai occasione per buttarsi negli spazi ed entra in quasi tutte le azioni più pericolose della sua squadra. L'avversario ed il pubblico di oggi erano di livello assoluto, ma lui, che firmò il gol decisivo per la promozione in B della Cremonese qualche anno fa, non si fa intimorire e gioca una gara molto positiva. SPAVALDO

FLOP:

Nessuno nel Vicenza: che dire di una squadra che ha raccolto 24 punti nelle ultime nove partite, qualificata ai quarti di Coppa Italia Serie C (dove se la vedrà proprio con la Feralpisalò), competizione nella quale si è sbarazzata senza problemi di Padova e Triestina? Nulla, la squadra di Di Carlo merita la prima posizione per valore della rosa e gioco espresso negli ultimi tempi. Ora i biancorossi dovranno solo confermarsi da qui alla fine. CORAZZATA
Nessuno nella Feralpisalò: la squadra di Sottili gioca senza timore contro la capolista cercando di rispondere colpo su colpo. Fosse entrata la rovesciata di Caracciolo, la partita (forse) avrebbe preso una piega diversa. Anche nella ripresa il pareggio è questione di centimetri (tiro deviato da Maiorino al 60'). I Leoni escono sconfitti, ma non ridimensionati. A TESTA ALTA