Top & Flop di Potenza-Casertana

25.08.2019 19:38 di Francesco Ragosta   Vedi letture
Logo Potenza
Logo Potenza

Allo Stadio "Alfredo Viviani", il Potenza ricomincia alla grande la sua stagione vincendo 1-0 davanti ad un pubblico strepitoso contro la Casertana. Una prestazione convincente degli uomini di Raffaele che soprattutto nel secondo tempo ha messo alle corde l’avversario e dimostrando che il campionato di vertice dell’anno scorso è tutt’altro che irripetibile.

Il primo tempo è molto equilibrato tra due squadre che sembrano affrontano a viso aperto. Il primo brivido lo corre la Casertana con Isgrò che con un tiro-cross anche deviato colpisce la traversa e per poco non beffa Crispino. La grande occasione però capita ai campani al 21’: punizione battuta da Zito che pesca Rainone al centro dell’area a pochi passa dalla porta e colpo di testa del centrale che viene alzato sopra la traversa da un attento Breza schierato a sorpresa titolare. Con il passare dei minuti la partita però diventa troppo fallosa e addirittura sono sette i cartellini gialli sventolati dall’arbitro prima dell’intervallo (saranno dieci alla fine).

Nella ripresa il Potenza parte all’attacco, molto più aggressivo dei campani e viene premiato al 61’ quando Murano di testa raccoglie un cross di Isgrò e batte Crispino. La Casertana fatica a riorganizzarsi e solo D’Angelo va vicino al pari con un tiro dal limite dell’area che sfiora l’incrocio dei pali. Nel finale Ginestra inserisce Floro Flores per dare più sostanza e qualità all’attacco, ma il numero 21 si fa notare solo in negativo per una punizione calciata malissimo e un colpo di testa finito alto. Così prima del triplice fischio dell’arbitro che sancisce la vittoria meritata dei lucani i Falchetti non creano altre occasioni per pareggiare, ma rischiano più volte di subire il raddoppio prima dal sempre vivace Murano e poi da Piccinni. Una sconfitta che mette a nudo tutti i problemi della Casertana che ha faticato a costruire occasioni offensive e ha subito l’aggressività degli avversari nel secondo tempo. Ecco Top e Flop della gara.

TOP

Murano (Potenza): il gol è una liberazione che dà il via nel migliore dei modi ad una nuova stagione e mette probabilmente fine ad un periodo molto complicato della sua vita in cui aveva anche rischiato di vedere terminare in anticipo la sua carriera. Ma nella sua partita non c’è solo la rete che decide il match, tanto movimento che mette spesso in difficoltà la difesa avversaria e fa capire a tutti che il bomber è tornato nonostante l’errore nel finale da solo davanti al portiere. BENTORNATO

Crispino (Casertana): respinge tutto quello che può: bellissimo il colpo di reni su Rainone nel primo tempo e si oppone alla grande su Murano nel finale. Incolpevole sul gol subito dal numero 11 lucano. INNOCENTE

FLOP

Ferri Marini (Potenza): esordio con poche luci per l’attaccante, tanto movimento e buona volontà, ma nell’ora di gioco che Raffaele gli concede fa davvero poco e praticamente non conclude mai in porta. Deve fare di più anche perché la concorrenza in attacco è molto agguerrita. BOCCIATO

Starita (Casertana): primo tempo opaco in cui si vede davvero poco, non trova mai il guizzo per rendersi pericoloso. Ginestra gli concede dieci minuti anche nella ripresa, prima di capire che le cose non sono cambiate e decide quindi di toglierlo. POCO MOBILE