INTERVISTA TC - Calori: "Ternana-Perugia non è mai una gara normale"

17.05.2021 21:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
INTERVISTA TC - Calori: "Ternana-Perugia non è mai una gara normale"
TMW/TuttoC.com

L'ex allenatore di Padova e Ternana, Alessandro Calori, è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per commentare la stagione delle squadre che ha allenato in carriera, a cominciare dalla Triestina, guidata per un brevissimo periodo nella stagione 2005-06 in Serie B ed eliminata ieri dalla Virtus Verona nel primo turno degli spareggi: "I playoff sono strani, il blasone non conta e ci sono tante componenti che determinano il risultato, compresa la buona sorte. La partita è stata molto equilibrata, la Triestina ha avuto le sue occasioni ma poi c'è stata l'azione che ha deciso la partita e mi dispiace molto".

E pensare che la Virtus aveva avuto tanti problemi con il Covid
"Il calcio è strano, anche in Serie A abbiamo visto il Crotone già retrocesso pareggiare a Benevento. Non c'è una logica scritta in questo sport, non sempre una squadra sulla carta più forte vince la partita".

La Ternana è la favorita per la Supercoppa?
"Come squadra la Ternana ha dimostrato di aver trovato l'alchimia giusta. chi ha giocato non ha mai fatto rimpiangere chi non giocava e poi ha trovato unità di intenti nel gruppo. Se parti bene ed acquisicsi fiudica succede questo. Lucarelli ha fatto un campionato bellissimo, non ha mai dato modo alle seconde di reagire perché ha vinto tante partite e ha preso subito il largo".

Sarà decisivo il derby Ternana-Perugia
"Non è mai una partita normale, c'è campanalismo come in ogni derby, tutte e due le squadre vorranno vincere e il risultato porta prestigio ma niente di più perché tutte e due hanno vinto il campionato".

L'Avellino dove può arrivare?
"L'Avellino è una squadra particolare, guidata da un allenatore che conosce benissimo la categoria e che è abiutato anche a partire da dietro per vincere. La squadra è scorbutica e non sarà facile batterla".

Il Padova riuscirà a superare la delusione del campionato? 
"Il Padova aveva in mano la promozione, ha perso punti nelle ultime partite ma il tecnico ha esperienza e blasone. Bisogna vedere come approccia gli spareggi, perché sono partite particolari nelle quali vengono azzerati i punti guadagnati in campionato".