AlbinoLeffe, Zaffaroni: "Contento per Gabbianelli e per tutta la squadra"

10.04.2021 21:45 di Francesco Moscatelli   Vedi letture
AlbinoLeffe, Zaffaroni: "Contento per Gabbianelli e per tutta la squadra"

Tre gol di scarto. L'ultima volta, per l'AlbinoLeffe, in un altro mondo. Un mondo in cui nessuno sapeva dell'esistenza di una città chiamata Wuhan, in cui dicevi mascherina e pensavi al Carnevale, in cui tutti avrebbero immaginato l'immaginabile solo al cinema, con i pop-corn sulle ginocchia. 27 Ottobre 2019, AlbinoLeffe-Alessandria 4-1: Sibilli, doppietta di Gelli e ciliegina di Kouko a cancellare nella sostanza la rete iniziale del "grigio" Arrighini. Oggi un anno e mezzo e una pandemia mondiale dopo, il gusto di una vittoria rotonda. Incontrovertibile. Un punteggio (3-0) che non sa, e non può, delimitare bene i confini tra i meriti dei blucelesti e i demeriti della Carrarese, oggi apparsa ancora più inerme di fronte ad una congiuntura sfavorevole e inspiegabile che va ormai oltre i propri peccati già da tempo confessati.

La "Celeste" prova dunque, ufficialmente, a trasformare il "possibile" in "probabile". Sì, con questa forma fisica, questa concentrazione, questa propensione offensiva che arrivano al loro culmine proprio nel momento topico della stagione, una dolce post-season diventa "probabile". E ora un obiettivo assolutamente nelle corde di una squadra che, semplicemente, sembra stare bene.

E' contento - più in cuor suo che nel volto da sempre raffigurazione terrena dell'Austerità- mister Zaffaroni che si concede alle domande della stampa locale al termine della generosa prova offerta contro i toscani. "Abbiamo fatto un'ottima partita -spiega il tecnico alla sua seconda stagione sulla panchina seriana- volevamo riscattare la gara di domenica in cui non abbiamo fatto male (sconfitta in casa per mano di un'ottima Pro Vercelli, ndr) ma oggi volevamo prendere l'intera posta. Abbiamo trovato il vantaggio, poi il raddoppio e l'unico rammarico è stato quello di non "chiuderla" subito: è vero che abbiamo rischiato poco ma, nel calcio, basta l'episodio per andare sul 2-1 e da lì si apre una nuova partita. Anche in questo aspetto dobbiamo migliorare, ma oggi dobbiamo essere contenti, pur nella consapevolezza di aver ancora grandi margini di crescita. Abbiamo anche dimostrato una buona condizione fisica, una condizione che può essere mantenuta nel momento in cui questa viene sorretta da grandi motivazioni per finire il campionato nel migliore dei modi".

Nel tabellino tre nomi: una piacevole consuetudine (Manconi), un graditissimo ritorno (Cori, non segnava dalla gara contro l'Alessandria di metà novembre) e una primizia assoluta, a sottolineare come l'AlbinoLeffe, anche in fase realizzativa, non sia solo il capocannoniere. "Gabbianelli ha fatto un'ottima gara, ma è da un bel po' che si sta allenando con grande dedizione. Ero certo facesse una bella partita, abbiamo lavorato molto sulla sua posizione in campo (mezzala con licenze offensive, a bilanciare l'altra mezzala Nichetti più propensa al contenimento, ndr) e oggi ha interpretato bene ciò che gli è stato chiesto".